Le intramontabili maschere veneziane in cartapesta associate ai costumi della commedia dell’arte italiana di Falpalà rendono ogni carnevale un’esperienza seducente e irripetibile

Ogni uomo mente, ma dategli una maschera e sarà sincero.
– Oscar Wilde –

Falpalà noleggia e vende solo maschere veneziane di qualità provenienti da artisti e artigiani che lavorano la cartapesta con le tecniche tradizionali.
Tutte le maschere di carnevale proposte da Falpalà sono rigorosamente Made in Italy!

MaschereHOME
  • mascareri

    Corso mascareri

    Nel corso mascareri per aspiranti artisti si sono illustrate le fasi di produzione e di decorazione della maschera.

  • Maschera

    Maschera

    Le maschere mantengono un loro fascino soprattutto laddove si legano alla tradizione.

  • bauta

    La bauta

    La bauta era utilizzata sia dagli uomini che dalle donne in moltissime occasioni

  • Arlecchino a Kirov

    Arlecchino a Kirov

    Raffaele Casagrande nel ruolo di Arlecchino a Kirov durante il Festival Teatrale

  • pulcinella

    Pulcinella

    La principale maschera del teatro delle marionette.

  • arlecchino

    Arlecchino

    Una delle maschere più famose della commedia dell’arte.

  • cartapesta

    Cartapesta per maschere

    Per fare la cartapesta occorrono solo la colla e la carta.

  • stampo

    Stampi per maschere

    Per costruire una maschera serve un modello in creta o plastilina

  • stampo

    Il carnevale di venezia

    Il carnevale a Venezia nasce nel settecento

  • stampo

    Maschere a Venezia

    I Veneziani si mascheravano in molte occasioni

La tradizione delle maschere di carnevale è molto antica e diffusa in tutta Italia. Anche se il regno delle maschere carnevalesche sin dal rinascimento è e rimane Venezia. Sono famosi infatti i “Mascareri”, consociati nell’Arte dei Maschereri fin dal 1436, fabbricavano la bauta e le altre maschere veneziane per il Carnevale di Venezia già ai tempi della Serenissima Repubblica. A Venezia, si sa, il carnevale è cosa seria e tra le calli sono presenti centinaia di negozi e bugigattoli che vendono maschere veneziane più o meno originali. Attenzione però, sono ormai poche le botteghe che possono vantare dei maschereri che lavorino all’antica, modellando la plastilina e utilizzando la cartapesta, così come la tradizione del carnevale veneziano richiederebbe.
Possiamo affermare che la storia delle maschere veneziane deriva dalla natura di Venezia
Infatti i cittadini della Repubblica di Venezia, sia uomini che donne, erano soliti camuffarsi nella loro vita di tutti i giorni.
Questa pratica comune è durata per diversi secoli, da circa la seconda metà del 1200 ‘fino alla fine della Repubblica veneta nel 1797.
Fondamentalmente le persone indossavano le maschere principalmente per nascondere la loro posizione sociale che per nascondere la propria identità, in questo modo consentendo ai cittadini di qualsiasi stato sociale, dal servo all’uomo nobile, di circolare in incognito.
Ogni domestico poteva essere scambiato per un aristocratico, e viceversa. Uomini e donne potevano flirtare più liberamente, senza il timore del giudizio morale e con molte meno inibizioni!!!
Spesso non si poteva nemmeno distinguere le donne dagli uomini!
In questo modo molti confini dettati dalla condizione sociale o dal galateo erano bypassati.
La storia delle maschere veneziane è inoltre fondata sulla natura di questa città marittima e su quella dei suoi personaggi e dei suoi abitanti.

CONDIVIDI

CATEGORIE