Abbigliamento contamporaneo dall’epoca vittoriana al charleston: dagli austeri abiti della restaurazione alla rivoluzione dei costumi degli anni 20.

La moda è una forma di bruttezza così intollerabile che bisogna cambiarla ogni sei mesi.
– Oscar Wilde –

Le tendenze dell’abbigliamento contemporaneo partono dalla moda vittoriana, che comprende le varie mode e tendenze presenti nella cultura britannica sotto il regno della regina Vittoria.

Il periodo vittoriano, che è durato dal giugno 1837 al gennaio 1901, comprende quasi due terzi del 19 ° secolo. Il regno di 63 anni ha visto numerosi cambiamenti della moda. Queste modifiche includono, ma non si limitano alle variazioni di abbigliamento, ma si estendono a molti altri campi come l’architettura, la letteratura e le arti decorative e visive.
Nel 1907, l’abbigliamento è sempre più fatta industrialmente e spesso venduto in grandi magazzini a prezzo fisso. I capi cuciti su misura o fatti in casa sono ancora diffusi, ma in declino. Nuovi macchinari e materiali modificano abbigliamento in molti modi.
L’introduzione delle nuove macchine da cucire a metà del XIX secolo semplificano il lavoro sia a casa e che nelle boutique sartoriali. Si crea una moda caratterizzata dalle sontuose applicazioni che sarebbe stato proibitiva in termini di tempo se realizzata a mano. Macchine per pizzi producono ad una frazione del costo dei vecchi metodi laboriosi.
Nuovi materiali provenienti dalle lontane colonie britanniche e poi francesi hanno dato origine a nuovi tipi di abbigliamento. Come la gomma, che ha reso possibile la produzione di stivali di impermeabili. I chimici sviluppano nuovi coloranti brillanti a buon mercato, che mandano in pensione i vecchi colori di derivazione animale o le tinture vegetali.
A partire dal 1920 la moda è entrata nell’era moderna. E’ il decennio in cui le donne prima abbandonano le mode più restrittive degli anni passati e hanno iniziato a indossare abiti più comodi (come le gonne corte o pantaloni). Anche gli uomini hanno abbandonato abbigliamento quotidiano altamente formale e persino incominciato a indossare abiti sportivi per la prima volta. Le tute che gli uomini indossano oggigiorno si basano ancora, per la maggior parte, sui modelli indossati alla fine degli anni ’20.

CONDIVIDI

CATEGORIE