Abiti romani per Toga Party che riproducono l’atmosfera dell’Impero Romano. Ancelle e le Dee, armature e toghe, abiti sontuosi per feste perfette.

Roma è la capitale del mondo.
– Johann Wolfgang Goethe, Viaggio in Italia, 1815/17 –

Gli abiti romani comprendevano la toga, la tunica, la stola, spille per quest’ultima, e calzoni. I tessuti utilizzati erano la lana, il lino, la canapa, la seta e il cotone.

La lana, la fibra più utilizzata, era probabilmente il principale materiale da filatura. Le pecore di Taranto erano rinomate per la qualità della loro lana, anche se i romani non cessarono mai di cercare di ottimizzare la qualità della lana attraverso incroci. La produzione di lino e di canapa era molto simile a quella della lana e fu descritta da Plinio il Vecchio. Il lino e la canapa sono materiali sia resistenti che durevoli.
Seta e cotone erano importati, da Cina e India, rispettivamente. La seta era rara e costosa, un lusso concesso solo ai ricchi. A causa del costo dei capi importati, alcuni abiti di qualità venivano intessuti in ortica.
Era inoltre nota la seta selvatica, cioè i bozzoli raccolti in natura. La seta selvatica, essendo i filamenti più corti, doveva essere filata.
I Romani avevano filatrici manuali per trasformare il loro materiale. L’allume di ferro era utilizzato come agente di fissaggio del colore di base ed è noto che il gasteropode marino, haustellum brandaris, è stato usato come colorante rosso porpora, il colore dell’imperatore. Il colorante era importato da Tiro, in Libano ed è stato utilizzato principalmente dalle donne ricche. Una tinta più diffusa era l’indaco, che permetteva sfumature blu o gialle, mentre esistevano anche coloranti più economici. Il giallo, ottenuto dallo zafferano, era costoso e riservato per l’abbigliamento delle donne sposate o le Vestali. C’erano molti meno colori rispetto in epoca moderna.
Dopo il II secolo a.C., oltre alle tuniche, le donne indossavano un semplice indumento conosciuto come una stola e di solito seguivano le mode dei loro contemporanei greci. La stola tipicamente comprendeva due segmenti rettangolari di stoffa uniti a lato da fibule e bottoni in modo da permettere che indumento si drappeggiasse liberamente di fronte di chi lo indossava. Sopra la stola, le donne spesso indossavano la palla, una sorta di scialle fatto di una tela rettangolare che poteva essere indossata come un cappotto, con o senza cappuccio, o drappeggiato sulla spalla sinistra, sotto il braccio destro, e poi sopra il braccio sinistro.
Le ragazze romane spesso indossavano niente di più che una tunica, il più delle volte bianca, lunga fin sotto il ginocchio, con una cintura in vita. Quando una ragazza usciva a volte indossava un’altra tunica, più lunga della prima, lunga a volte fino alle caviglie o anche ai piedi.
L’indumento di base per entrambi i sessi, spesso indossato sotto uno o più strati aggiuntivi, era la tunica. Questo era un semplice rettangolo cucito in una forma tubolare e appuntato attorno alle spalle come un chitone greco. Le donne potevano anche indossare uno strophium o fascia per il seno.
Potevano anche essere indossati indumenti per coprire i fianchi, noti come subligacula o subligaria, soprattutto da parte dei soldati. L
Le variazioni di indumenti indossati a Roma nelle manifestazioni ufficiali e nelle cerimonie erano simili agli indumenti indossati in Grecia, nello stesso periodo, con l’eccezione della toga tradizionalmente romana. Fino al II° secolo a.C., la toga era indossata da entrambi i sessi e non aveva alcuna distinzione di rango. La differenziazione tra ricchi e poveri veniva fatta attraverso la qualità del materiale. Esistevano anche differenziazioni legate ai colori utilizzati:
– la toga praetextata, con un bordo viola, indossata da bambini di sesso maschile e magistrati durante le cerimonie ufficiali;
– la toga picta o toga palmata, con un bordo d’oro, usata dai generali nei loro trionfi;
– la trabea, una toga interamente viola, indossata da statue di divinità e imperatori;
– la toga zafferano – indossata da aruspici e sacerdotesse, bianca con una fascia viola, anche indossata da consoli ed equites durante le feste pubbliche;
– la toga con i bordi rossi – indossata da uomini e donne per le festività.

CONDIVIDI

CATEGORIE