Burlesque

con Nessun commento

L’abbigliamento burlesque nasce dalle esigenze della showgirl, la cosidetta “lady”, che sul finire del secolo XIX doveva realizzare scene sempre più trasgressive.

Le esibizioni Burlesque sono infatti una tipologia di spettacolo che prende piede principalmente nell’Inghilterra Vittoriana come reazione al moralismo imperante che era solito castigare anche abbigliamento e costumi.

Il burlesque è uno spettacolo teatrale coinvolgente, piccante e ironico, che tuttavia può rivelarsi incredibilmente sovversivo per il suo carattere fortemente satirico nei confronti dei vizi dei potenti. Nel corso degli anni gli spettacoli hanno perso gran parte delle connotazioni “politiche”, tuttavia il burlesque ha mantenuto le sue caratteristiche di show sensuale e trasgressivo, senza scadere in eccessi di volgarità.
La protagonista assoluta di ogni spettacolo burlesque è la donna, la cui femminilità viene fortemente amplificata da costumi sexy piuttosto succinti. Si può ritenere che il periodo aureo del burlesque sia stato nel dopoguerra grazie soprattutto agli spettacoli di alcune lady del genere come Tempest Storm, Dixie Evans. Tra le altre va fatta una speciale menzione alla indimenticabile Bettie Page che riusciva a spogliarsi con grazia e sensualità. Bettie dà vita ad una variante del genere che la rende un’icona del fetish e del bizzarre.
Grazie alla moda vintage e ad artiste come Immodesty Blaize, Dirty Martini, Julie Atlas Muz, le Pontani Sisters, Catherine D’Lish, Dita Von Teese, a partire dagli anni novanta del secolo scorso la cultura dello stile burlesque si evolve gradualmente nel new-burlesque e nel dark cabaret.
Attualmente cantanti del calibro di Madonna, Christina Aguilera, Gwen Stefani e Lady Gaga si ispirano al genere burlesque per i loro show.

+ +