Carnevale Emilia Romagna

con Nessun commento

Elenco dei più importanti eventi, spettacoli e manifestazioni carnevalesche nelle varie regioni italiane: Carnevale Emilia Romagna

Carnevale di Ferrara

La città UNESCO torna ai fasti e alle atmosfere di duchi e duchesse del ‘400 e ‘500, rendendo omaggio ad Eleonora d’Aragona.
La scenografia c’è già ed è la stessa da secoli. I palazzi antichi, il Castello Estense, le grandi piazze e strade di Ferrara catapultano chiunque arrivi in città nel meraviglioso mondo del Rinascimento.
Ma c’è un periodo dell’anno in cui il viaggio in questa regale atmosfera si fa più autentico: è il Carnevale Rinascimentale, quando il centro storico Patrimonio dell’Umanità UNESCO torna ai fasti di duchi e duchesse, cavalieri e dame del ‘400 e ‘500, per una grande festa originale ed unica nel suo genere.
Sito: http://www.carnevalerinascimentale.eu/

Carnevale di Modena

La festività di Carnevale è molto famosa a Modena per la sua storia, e il programma delle manifestazioni a Modena è davvero molto ricco. Mostre, eventi, concerti e locali animeranno le serate e giornate di febbraio, fino al martedì grasso, rendendo gradevoli le giornate di giovedì, sabato e domenica a Modena.
Il periodo che precede la quaresima e ci porta alla santa Pasqua a Modena viene anche abbellito e vivacizzato dalle decorazioni carnevalizie, i dolci tipici del Carnevale come le bugie e le chiacchiere, o dalle immagini ed esibizioni dei disegni fatti dai bambini delle maschere di carnevale come Arlecchino, Balanzone, Pulcinella, Pantalone, Gianduja, Colombina e tante altre molto famose a Modena per il carnevale.

Fonte: http://www.regioni-italiane.com
Comune di Modena: http://www.comune.modena.it
Sito: http://www.sandrone.net/

Carnevale di Busseto

Busseto e’ da sempre Citta’ del Carnevale. Il Carnevale di Busseto nacque intorno alla meta’ dell’800. Purtroppo fu interrotto alcuni anni a causa delle guerre. Raccoglieva tutti i paesi vicini, i quali con soggetti o maschere piedi o carri allegorici artigianali venivano a sfilare nel nostro paese, partecipavano alle sfilate anche i cavalli.
La tradizione non e’ comunque cambiata, sono rimasti gli enormi Carri in cartapesta, le Bande e le Majorettes, i Soggetti Speciali e le maschere a piedi.
Per una giornata si ritorna tutti un po’ bambini, e tra il lancio di coriandoli e stelle filanti si ritorna a casa tutti infreddoliti, ma contenti per aver partecipato ad un evento tanto divertente. Ma la vera regina di questa manifestazione e’ la CARTA!!! Quintali e quintali quelli che vengono usati per fare le maschere.
Quintali di coriandoli colorati lanciati dai carri. Gli eroi che sono riusciti a mantenere viva questa tradizione sono i volontari dell’Associazione “AMICI della CARTAPESTA”, che con tanta pazienza impegnano per mesi tutto il loro tempo libero nella costruzione dei carri.

Sito Carnevale di Busseto: http://www.carnevaledibusseto.it
Comune di Busseto: http://www.comune.busseto.pr.it/

Carnevale di Cento

Il Carnevale di Cento è un carnevale storico, la cui antichissima tradizione ha infatti lasciato traccia in un affresco del 1615 del pittore centese Gian Francesco Barbieri chiamato “Il Guercino”, dove viene rappresentato “il Berlingaccio”, una maschera locale, in una festa nel palazzo comunale offerta al popolo nel giovedì grasso dal Magistrato cittadino, con profusione di dolciumi e rinfreschi.
Lo spirito surreale e fantastico, goliardico e giocoso tipico di questa manifestazione, amata dai grandi e dai piccini, viene incarnato dai mastodontici e colorati carri allegorici di cartapesta che sfilano ogni domenica lungo il circuito carnevalesco, tra due ali di folla festante e incantata.

Sito Carnevale di Cento: http://www.carnevalecento.com
Comune di Cento: http://www.comune.cento.fe.it

Carnevale di San Pietro in Casale

Nel 1870 alcuni buontemponi, trenta in tutto, quantunque fosse per loro trascorso l’età più bella istituirono, con giovanile ardore, una società per divertimenti carnevaleschi.
Fu eletto a re del carnevale Sandron spaviron dal Bosco di Sotto da Modena. Si stabilì di fare due corsi mascherati uno nell’ultima domenica e uno nell’ultimo martedì di carnevale. La domenica il re Sandron fece il suo ingresso in paese seguito dai grandi dignitari del suo regno. Fu accolto al suono di un inno che ancora riscuote gli applausi del pubblico.
Il martedì si ripeterono i divertimenti della domenica. I due corsi splendidi per partecipazione e per i carri bellissimi che vi intervennero, lasciarono in tutti il desiderio che tali divertimenti si ripetessero negli anni seguenti.
Attualmente si svolgono nelle due domeniche che precedono il martedì grasso. I numerosi carri allegorici che sfilano nelle domeniche offrono un ricco gettito, coloratissime maschere a piedi e tanta allegria. Si trovano inoltre numerosi punti dove poter assaggiare ottime specialità culinarie e buon vino.

Sito Carnevale di San Pietro in Casale:http://www.carnevaledisanpietroincasale.it
Comune di San Pietro in Casale: http://www.comune.san-pietro-in-casale.bo.it

Carnevale di Imola dei Fantaveicoli

Come in tantissime altre città italiane, anche Imola aveva una sua tradizione di Carnevale, incentrata in particolare sulla sfilata dei carri allegorici e sui veglioni. Al riguardo ci sono dei documenti nella Biblioteca Comunale che riportano alla seconda metà del ‘700.
Nel corso del ‘900 però la tradizione si interruppe più volte e le ultime edizioni con la sfilata dei carri si svolsero dal 1982 al 1988, organizzate dall’Amministrazione comunale in collaborazione con i Consigli di Quartiere e i Centri Sociali del territorio.
Il Fantaveicolo caratterizza la parte centrale della festa. Un apposito concorso coinvolge tutti i partecipanti che sfilano nella grande parata di Domenica. Ma la festa non si esaurisce qui: il concorso e la sfilata dei gruppi mascherati, il Carnevale dei Bambini e dei Ragazzi, i laboratori per i più piccoli, le mostre fotografiche arricchiscono il clima di festa e divertimento in tutta la città. Nel corso degli anni la manifestazione ha incrementato la sua popolarità superando sempre le 20.000 presenze,e inserendosi così di diritto tra i più originali e coinvolgenti carnevali italiani.

Sito Carnevale di Imola dei Fantaveicoli:http://www.carnevalefantaveicoli.it
Comune di Imola: http://www.comune.imola.bo.it

Carnevale di San Mauro Pascoli

Il Carnevale è già alle porte e si respirare un po’ quell’aria intrisa di sogno e di magia che i bambini sanno creare come d’incanto. E quando c’è questo spirito, è subito festa.
Sfilata di carri allegorici costruiti anche dai bambini delle scuole per tutto il centro storico del paese. Lancio di coriandoli, caramelle e patatine. Ricchi premi per la lotteria.

Sito: http://www.carnevaledisanmauro.it/
Comune di San Mauro Pascoli: http://www.sanmauromare.net

Carnevale di Civitella di Romagna o Civitellese

Una festa antica il carnevale, che precede l’inizio della Quaresima, di cui se ne hanno notizie negli archivi comunali di Civitella fin dal 1688. Sembra però che i festeggiamenti fossero una consuetudine avviata molti anni prima.
Lo storico Addis Sante Meleti riferisce che nel 1702 il Papa, ritenendo inopportuni i festeggiamenti, annullò il carnevale in tutto lo Stato. Ma, nonostante tutto, questa ricorrenza non è mai passata di moda anche nei periodi più difficili della storia del territorio.
Dal 1718 al 1720, per esempio, il carnevale venne riproposto dopo una lunga sosta nonostante in quegli anni la Romagna fosse duramente provata dalle carestie e dal passaggio di truppe straniere.
L’aspetto più moderno di questa ricorrenza lo si deve all’Associazione Carnevale che ripropose nel 1961 la prima edizione di quello che in 40 anni sarebbe diventato l’evento più atteso della Val Bidente.

Sito Carnevale di Civitella di Romagna o Civitellese:http://www.carnevalecivitellese.it

Carnevale di Gambettola

Le sfilate di Carnevale a Gambettola, una tradizione che si ripete di anno in anno. In queste pagine potrete trovare tutte le date delle manifestazioni legate al Carnevale ed alle sue maschere a Gambettola.
Dalle sfilate dei carri allegorici, che rievocano il Carnevale Brasiliano (Carnevale di Rio de Janeiro), le maschere tipiche di questo periodo dell’anno, gli scherzi, le foto, i vestiti e costumi di carnevale presenti a Gambettola.
La festività di Carnevale è molto famosa a Gambettola per la sua storia,e il programma delle manifestazioni a Gambettola è davvero molto ricco. Mostre. eventi, concerti e locali animeranno le serate e giornate di febbraio, fino al martedì grasso, rendendo gradevoli le giornate di giovedì, sabato e domenica a Gambettola.

Sito Carnevale di Gambettola:http://www.carnevaledigambettola.it
Comune di Gambettola: http://www.comune.gambettola.fc.it

Carnevale di Cavezzo

A Motta sulla Secchia, in un ampio capannone di campagna non lontano dall’argine, durante i mesi invernali un gruppo di persone s’incontra e lavora anche fino a notte fonda.
Il gruppo ama tenere segreto l’oggetto della propria attività. Ma a Carnevale il capannone si spalanca e il segreto è svelato: trainati da trattori agricoli e seguiti da bambini, ragazzi e adulti, tutti in maschera, escono i carri.
Tra cori e schiamazzi i carri allegorici si avviano sulla strada che dalla campagna porta in centro a Cavezzo, dove nella festa della domenica di Carnevale ogni carro, ogni gruppo atteso e acclamato da tutta la gente.

Sito Comune di Cavezzo: http://www.comune.cavezzo.mo.it

Carnevale di Castelnovo di Sotto

Il “Castlein” è la maschera simbolo del Carnevale di Castelnovo di Sotto; con la berretta calata sulle orecchie, con le scarpe grosse da contadino, con i suoi calzoni “ascellari”, egli prenderà per pochi giorni il potere, darà il via alla festa, ai giochi popolari, restituirà ad un paese intero l’orgoglio ed il piacere di seppellire la stupidità del mondo sotto il fragore di una risata intelligente e provocatoria. Senza vergognarsi della sua povertà economica, né della sua ignoranza accademica perché a sostenerlo c’è il buon senso contadino, la solidarietà di tutti i suoi concittadini, la solidità del suo lavoro e dei suoi valori: in una parola tutta la cultura accumulata da secoli di lavoro nei campi o nelle botteghe artigiane.
Questo il nostro “Castlein”, Re del Carnevale di Castelnovo di Sotto, spera di riuscire a ricordare ai suoi concittadini e a tutti gli ospiti che verranno a trovarlo, a tutti offrendo, insieme a un po’ di buonumore, un bicchiere di vino, una fetta di salame, un pezzo di gnocco fritto.

Sito Carnevale di Castelnovo di Sotto: http://www.alcastlein.it
Comune di Calstelnovo di Sotto:http://www.comune.castelnovo-di-sotto.re.it

+ +