Le maschere tipiche veneziane la bauta

con Nessun commento

Durante la repubblica Serenissima tra le maschere tipiche veneziane la bauta era utilizzata sia dagli uomini che dalle donne in moltissime occasioni.

Durante il carnevale a Venezia la bauta era utilizzata per tenere l’anonimato e consentire quindi qualsiasi svago. Persino i preti e le suore la utilizzavano per coprire la proprie avventure amorose. Era un obbligo per le donne sposate che si recavano a teatro mentre era proibita alle fanciulle in età da matrimonio.
La bauta è formata da una maschera bianca in cartapesta dal labbro superiore allargato e sporgente che in origine serviva per cambiare il timbro della voce, rendendo quindi irriconoscibile chi la indossava. Questa maschera è bianca ed è anche chiamata larva, probabilmente dalla stessa voce latina il cui significato è appunto maschera o fantasma.
Del le maschere tipiche veneziane la bauta aveva una forma che permetteva di bere e mangiare senza mai doverla togliere, mantenendo così l’anonimato.

Sopra la Bauta si porta un velo nero, che può essere anche bianco, turchino o rosso scarlatto per un’occasione di gala, chiamato tabarro, che parte dal collo e copre anche le spalle. In testa la maschera è completata da un tricorno nero.
Inoltre è possibile anche indossare un lungo mantello nero che copre fino a metà la persona.

+ +