Mostra Abito a Iseo

con Nessun commento

La mostra “Abito a Iseo” è un’iniziativa di “Porte Aperte all’Arte” dedicata ad una realtà artigiana molto diffusa in passato ad Iseo che con l’arte ha molto in comune: la sartoria.

L’arte del cucito: piccoli punti, tagli perfetti, stoffe da accarezzare come una seconda pelle. La storia è raccontata anche attraverso il susseguirsi della moda che cambia nei decenni e documenta luoghi, fatti, realtà, costumi e usi.

Abito a Iseo! Quasi uno slogan, sentirsi “indosso Iseo”, non solo vivere a Iseo ma portarlo addosso come un vestito che ci connota e rivela, fra le pieghe, la nostra storia.

Fino agli anni ’70 farsi cucire un capo di vestiario su misura era prassi comunissima e la presenza di tante piccole sartorie, spesso ricavate in una stanza di casa, era attività fiorente e molto apprezzata. Tutto finito, soppiantato dal vestito preconfezionato e prodotto in serie, anonimamente, dove non è l’abito a seguire le nostre forme ma siamo noi ad adattarci ad entrare in misure sempre più smilze.
Da fine ‘800 agli anni ’70 la mostra segue l’avvicendarsi del tempo attraverso alcuni luoghi che hanno fatto la storia della comunità:
– L’ARABA FENICE da fine 1800 agli anni ‘20 sede dell’unico Casinò del lago
– MONTECOLINO con LA CAPRONI teatro delle vicende belliche nazionali e locali
– LE FILANDE l’alba industriale del ‘900 sul lago
– LA FERROVIA che da oltre 140 anni è fonte di lavoro e reddito
– IL LIDO DEI PLATANI oasi balneare degli anni ’50 e palcoscenico delle “mitiche ugole d’oro” degli anni 60-70.
Taglio e cucito, arte abbandonata ma non del tutto persa. E’ bastato qualche anno fa far frusciare del raso, un po’ di velluto, qualche metro di veli e passamanerie per risvegliare un bagaglio genetico ancora vitale. Ago, filo, forbici e ditale hanno ripreso a scorrere nelle mani delle “sartine iseane”. LA CORTE DELLA REGINA CORNARO fa rivivere gli sfarzi e le ricchezze del 1500 e dà il giusto merito e risalto alla ritrovata bravura delle “Coco Chanel” di casa.
Se dal passato è possibile attingere a tanto stile e glamour, dal futuro possiamo sperare in idee innovative di tendenza e fashion, compito che si affida con certezza di risultato ai giovani stilisti dell’ACCADEMIA SANTAGIULIA DI BRESCIA che fanno sfilare in passerella creazioni esclusive mostrando così tutta la loro “stoffa”!
A far da “filo” conduttore all’evento sono come ormai di prassi le signore DI FIORE IN FIORE che completano la mostra con accessori di “taglio” floreale.
Atelier dell’evento è sito in Casa Panella ex Guerini dal 28 giugno al 6 luglio 2014.

+ +